Isernia-Termoli: derby a rischio per la tifoseria ospite

Dopo i fatti dello scorso anno era nell’aria. Il derby Isernia-Termoli del 6 ottobre prossimo è a rischio per la tifoseria ospite. Decisioni in merito sono al vaglio del Casms, il Comitato di Analisi per la Sicurezza delle Manifestazioni Sportive. Lo stesso che si è riunito proprio ieri. Nel verbale dell’incontro, depurato dalle parti inerenti ad altre partite, si legge: Il Casms “considerato che domenica 6 ottobre è in programma l’incontro tra Isernia e Termoli; tenuto conto della nota inviata dall’Autorità provinciale di pubblica sicurezza di Isernia, adotta la seguente determinazione: Per gli incontri di calcio Isernia-Termoli, per la segnalata acerrima rivalità tra le due tifoserie, il Prefetto di Isernia, sentito il Questore è pregato di valutare la possibilità di adottare la seguente prescrizione: divieto di vendita dei tagliandi ai residenti: nella Provincia di Campobasso”.

Operaio muore nei campi tra Tavenna e Montenero di Bisaccia

TAVENNA (Campobasso) - Incidente sul lavoro questa mattina che ha causato la morte di un operaio 29enne di Cupello. L’uomo stava lavorando al montaggio di un impianto eolico in un terreno nei pressi dell’agriturismo Fontana Fredda a Tavenna, in contrada Sterparone. La dinamica del mortale incidente è ancora tutta da chiarire. Gli sarebbe caduto addosso un palo di ferro facendolo cadere a terra contro delle pietre ferendolo mortalmente alla testa. Difficoltà per raggiungere il luogo della tragedia nelle campagne tra Montenero di Bisaccia e Tavenna.

Travolto e ucciso sull’Adriatica di ritorno dal mare

MONTENERO DI BISACCIA (Campobasso) – Aveva quasi attraversato del tutto la Statale 16 Adriatica, mancava davvero poco per raggiungere la sua auto parcheggiata nell’area di sosta, dopo aver trascorso l’intera giornata al mare in compagnia degli amici. Ambulanza_NotteQuando è stato investito da una Audi A3: per terra resta un corpo inerme e quanto era servito per una domenica spensierata sulla spiaggia. Un impatto che non ha lasciato scampo a un 57enne di origine slovacca, ma residente da anni a San Salvo (Chieti). L’incidente mortale è avvenuto attorno alle 20.30 quando l’uomo dopo aver ritirato telo da bagno e attrezzatura utilizzata per il barbecue stava dirigendo verso l’autovettura per far ritorno a casa. Quel tratto, ovviamente, era senza illuminazione che non ha permesso al conducente dell’Audi di evitare l’impatto. Quando sono giunti i soccorritori non ha potuto nulla. Per i rilievi di legge sono intervenuti i carabinieri di Petacciato e Termoli e gli agenti della polizia stradale.

 

 

 

Questa mattina l’autopsia al piccolo Giulio

BARI – Rinviata a questa mattina l’autopsia sul piccolo Giulio, il bambino morto dopo venti di giorni di coma a seguito del soffocamento dovuto all’ingerimento di una polpetta.

Il Tribunale di Bari

Il Tribunale di Bari

La effettuerà il professor Francesco Introna, noto specialista che si è occupato in passato di casi importanti di cronaca nera come quelli di Meredith Kercher ed Elisa Claps.  Intanto i parenti dello sfortunato bambino chiedono il silenzio per rispettare il proprio dolore. “Ci troviamo in una situazione difficilissima – spiegano – ringraziamo le tantissime persone che ci sono state vicine in questi giorni terribili, ma ora il nostro desiderio e che si fermino le notizie. Chiediamo dunque a tutti di comprendere il nostro stato d’animo e di rispettare la nostra volontà”. Intanto per la Procura di Bari sono due gli indagati: il responsabile dell’Ikea di Bari e il medico intervenuto per soccorrere il piccolo Giulio.

Ricorso Giarrusso, il giudice prende tempo

CAMPOBASSO – Si discuterà il prossimo 25 novembre il merito sul ricorso promosso presso il giudice del lavoro da Giuseppe Giarrusso contro la Regione Molise dopo l’avvicendamento della scorsa primavera alla guida dell’agenzia regionale di Protezione civile.

Ieri mattina, al tribunale civile di Campobasso, l’udienza davanti alla giudice Cardona Albini che si è riservata di valutare i provvedimenti di sospensione subiti da Giarrusso (30 giorni cautelari, e in seguito altri 60 di natura disciplinare), in relazione all’eventuale danno economico subito. Della legittimità o meno dei procedimenti messi in atto dalla Regione si discuterà in una successiva udienza.

Morto bambino soffocato dalla polpetta all’Ikea

BARI - È morto il bimbo molisano di tre anni ricoverato in terapia intensiva al Giovanni XXIII di Bari dal 20 agosto scorso, dopo aver ingoiato un’intera polpetta di carne mentre era a pranzo con i suoi genitori nel ristorante dell’Ikea del capoluogo pugliese. ikea_logoI medici ieri sera hanno dichiarato il decesso del piccolo. I genitori avevano dato il proprio consenso alla donazione degli organi, ma i sanitari hanno constatato che gli stessi erano stati compromessi dalla prolungata ipossia. (Ansa)

Bimbo di 3 anni muore, era stato investito da un’auto il 3 agosto

PETACCIATO (Campobasso) - Era stato Investito da un’auto il 3 agosto a Petacciato mentre giocava vicino alla strada è morto oggi all’ospedale di San Giovanni Rotondo (Foggia) un bimbo di tre anni.Il conducente si era subito fermato a soccorrerlo ed erano intervenuti sul posto Carabinieri e 118. ospedaleIl piccolo con un grave trauma cranico era stato portato d’urgenza al nosocomio San Timoteo di Termoli ed era stato poi trasferito nel centro di neurochirurgia dell’ospedale pugliese dove però non si è più ripreso.

Tragedia a Rio Vivo, muore un 80enne schiacciato da un albero e resta sepolto da una frana

TERMOLI (Campobasso) -  Era quasi interamente coperto da un cumulo di terra e incastrato sotto le radici di un grosso albero Franco Russo, l’80enne che ha trovato la morte nel giardino della casa di campagna del genero questa mattina. Una tragedia che si è consumata in via del Piviere, una traversa di via di Rio Vivo a Termoli. riovivo_sepoltoL’anziano, si era recato, in compagnia del suo cane da caccia, presso l’abitazione di campagna del genero, in mattinata, come era solito fare tutti i giorni. Un modo per occupare il tempo, da quando era in pensione, dedicandosi alla cura del giardino. A ora di pranzo non aveva fatto ritorno a casa mettendo quindi in allarme i famigliari che si sono recati in campagna per cercarlo. Giunti sul posto la tragica e dolorosa scoperta. Il corpo ormai senza vita dell’uomo coperto in parte dal terreno franato dal colle che sovrasta l’abitazione e dalle radici di un grosso albero che lo avevano imprigionato. Il cane, un setter inglese, gli era accanto come a voler vegliare il suo anziano padrone. Immediatamente allertati i sanitari del 118 che, unitamente ai volontari della Misericordia, si sono recati sul luogo della tragedia, ma per l’80enne non c’era ormai più nulla da fare. Dalla prima ricostruzione sembrerebbe che l’uomo per procedere con la pulizia delle erbacce, avrebbe scavalcato il muro di contenimento eretto a ridosso del colle e con tutta probabilità, proprio il lavorare il terreno sia stata la causa dello smottamento. Un cedimento che avrebbe sradicato l’arbusto e che lo avrebbe quindi sepolto e imprigionato. È spettato ai vigili del fuoco tagliare l’arbusto e permettere quindi il recupero della salma. I funerali di Russo sono stati stabiliti per la giornata di domani presso la chiesa del Crocifisso in via Montecarlo a Termoli alle 17.

I.P.

Turista trentino annega a Termoli

TERMOLI (Campobasso) - Un turista residente nella provincia di Trento, G.A., 68 anni, è annegato nella tarda mattinata mentre faceva il bagno nello specchio d’acqua antistante un tratto di spiaggia libera del lungomare nord di Termoli. In vacanza da qualche giorno in l’uomo è stato colto da malore davanti alla moglie. Un villeggiante è intervenuto immediatamente portandolo a riva ma, nonostante un massaggio cardiaco, il 68enne è morto.

Rapina portavalori fondovalle Trignina

SAN SALVO (Chieti) - Erano in tre i banditi, con il forte accento pugliese, che questa mattina hanno assaltato la Fiat Panda dell’Ivri sulla strada provinciale che dalla Trignina conduce a Lentella. Dopo aver esploso almeno tre colpi d’arma da fuoco a scopo intimidatorio sono riusciti a costringere il conducente D.G., 40 anni di Chieti, a fermare il mezzo.

L'auto incendiata utilizza per la rapina

L’auto incendiata utilizza per la rapina

I malviventi hanno puntato una pistola alla tempia della guardia giurata facendosi consegnare l’arma d’ordinanza, il giubotto antiproiettile e quattro cassette contenente poco meno di 80mila euro destinati ad alcuni uffici postali del Vastese. Denaro protetto da un sistema che macchia il denaro in maniera indelebile una volta aperto il contenitore senza aver usato un codice. La guardia giurata, che i componenti la banda hanno legato con una corda prima di fuggire, presta servizio presso l’Ivri di San Giovanni Teatino (Chieti) ed è già stato vittima di una rapina. Per i rilievi stanno operando i carabinieri della Compagnia di Vasto del nucleo operativo e radiomobile coordinati dal tenente Domenico Fiorini e la polizia scientifica del commissariato di Vasto per rintracciare i bossoli. L’auto utilizzata per la rapina, una Volkswagen Passat Sw, è stata data alle fiamme in un pescheto di contrada Pozzacchio, nei pressi di una strada costeggia la Statale 650 Trignina nel comune di San Salvo a poco più di un chilometro dall’ingresso del casello di Vasto Sud-Montenero di Bisaccia dell’autostrada A14.

Eikon