Appello di “Voglio nascere a Termoli” a Toma contro la chiusura della Maternità

Le donne e mamme del gruppo social “Voglio nascere a Termoli” hanno tenuto un presidio davanti il San Timoteo di Termoli durante l’attesa dell’udienza in Consiglio di Stato. Le stesse lanciano un appello agli altri comitati che operano sul territorio a sostegno del mantenimento di reparti e servizi sanitari affinche’ si:”crei un unico grande movimento” e chiedono attenzione al Presidente della Regione Molise Donato Toma. Le stesse sottolineano come l’Asrem si sia costituita contro la riapertura del punto nascita, una situazione a dir poco:”paradossale. L’azienda sanitaria e’ praticamente contro i suoi dipendenti. Da un lato di rassicura, dall’altro poi vuole chiudere il reparto”.

L’UDIENZA

E’ durata 20 minuti l’udienza in Consiglio di Stato sul punto nascite di Termoli a seguito del ricorso proposto dai Ministeri della Salute, Economia e Finanze contro la decisione del Tar Molise che ha sospeso il provvedimento di chiusura dei Commissari sulla sanita’ del Molise. L’avvocato Vincenzo Fiorini dello studio Iacovino di Campobasso, in rappresentanza di oltre 10 comuni del Basso Molise, costituitisi a sostegno della riapertura del reparto, ha sottolineato la necessita’ per un territorio come la costa molisana ed i centri collinari e montani, di avere una divisione operativa. Tra l’altro la problematica della carenza di personale, alla base del decreto dei Commissari, e’ in fase di soluzione. Per conto dei Ministero e dell’Asrem che si e’ costituita contro la riapertura del punto nascita, l’avvocato Scoca di Roma che ha sostenuto il rischio legato alla carenza di sicurezza del reparto. Presente anche l’avvocato Laura Venittelli per conto di un gruppo di gestanti che si e’ costituita insieme agli amministratori locali a sostegno della divisione. “Siamo Cautamente ottimisti – ha dichiarato il legale Vincenzo Fiorini – visto che c’e’ la decisione di merito del Tar Molise il prossimo 8 aprile”. E’ atteso per domani il “verdetto” dei giudici amministrativi di Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *